Il Pastin Bellunese

//www.brambu.it/wp-content/uploads/2018/01/Pastin.jpg

Il Pastin è una pietanza tipica della provincia di Belluno, realizzata con carne principalmente di suino, tritata fresca e speziata. Diverso da vallata a vallata, può essere mangiato crudo o cotto. Nei paesi della provincia di Belluno il pastin è talmente tipico che tutti lo conoscono ed è il protagonista di ogni sagra. Tuttavia, nel resto del Veneto non è molto famoso e basta spostarsi di pochi chilometri per scoprire che nessuno sa cos'è. Proprio per questo abbiamo deciso di farlo salire a bordo di Brambù e di farlo conoscere in tutta Italia: è troppo buono per restare così confinato. Noi lo proponiamo sotto forma di hamburger, con pane artigianale al Radicchio di Treviso (ovviamente in stagione) e servito con verdure che cambiano in base alla disponibilità: cime di rapa bollite e saltate alla piastra, cipolle caramellate, julienne di cavolo e molto altro ancora.

Il Pastin pare che venisse consumato già nel Medioevo e il periodo di produzione coincideva con quello di macellazione del maiale. Ora, viene prodotto tutto l'anno e si trova nella maggior parte delle macellerie della provincia di Belluno. Si presenta solitamente come una rondella, simile ad un hamburger, di carne trita fresca. Solitamente si usa carne di manzo o maiale, oppure di maiale e bovino, salata, speziata e pepata. Ogni vallata della provincia ha la sua ricetta segreta, tant'è vero che in base al luogo di produzione, il pastin può essere molto diverso. L'impasto aromatizzato e macinato, viene poi lavorato manualmente a lungo, per amalgamare bene i sapori, ed infine viene insaccato nei budelli.

Il Pastin rientra nell'Atlante dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali del Veneto, nella Strada dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi e nella Carta di Qualità del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.