28 ottobre 2016

Il Progetto Brambù

Noi crediamo profondamente nella qualità, nel valore delle materie prime e nella ricerca di produttori capaci, che amano il loro lavoro e che parlano attraverso i loro prodotti. Brambù è un progetto nato per portare sulle strade italiane la maggior qualità possibile rintracciabile su ruote. Proponiamo quindi delle ricette “fast”, ma create in un modo del tutto “slow”. Nessun dettaglio è lasciato al caso, ogni singolo fornitore, da colui che ci rifornisce le salse a colui che ci dà le lenticchie per la nostra zuppa, è stato cercato meticolosamente ed è per noi motivo di orgoglio.

Da Brambù il menù è sempre in movimento, perché le nostre menti non si fermano mai e quando incontriamo un prodotto valido, sentiamo l’irrefrenabile voglia di farlo entrare nel nostro mondo. Crediamo profondamente che il confronto sia alla base di ogni relazione ed è per questo che con i nostri fornitori instauriamo un rapporto di stima, di rispetto e di crescita reciproca e continua, perché nessuno nasce imparato ed è bello migliorarsi assieme.

Mangiare da Brambù significa fare una scelta, ovvero dare il giusto valore a ciò che si mangia. Infatti i nostri clienti tornano sempre, e ci seguono di tappa in tappa, perché la vera qualità si assapora già dal primo morso. Perché la verdura viene presa direttamente dai contadini, sempre fresca, e lavata foglia per foglia; la carne proviene da allevamenti in cui il welfare animale è al primo posto e ve lo possiamo garantire perché li abbiamo visitati; il pane viene fatto seguendo specifiche ricette studiate appositamente per noi; le salse sono biologiche e tra le migliori in commercio; le uova provengono esclusivamente da allevamenti a terra; i formaggi vengono forniti da colui che più di tutti li tratta come dei figli, regalando loro una seconda vita, ovvero un affinatore toscano davvero unico, Andrea Magi.

Siamo cresciuti in due famiglie molto differenti, Massimo è cresciuto in una famiglia abituata a coltivare le sue verdure, a crescere gli animali, a mangiare uova provenienti solo dalle galline allevate in giardino, in una famiglia in cui la tavola è al centro di ogni giornata. Irene è nata in una famiglia dove si viveva di prodotti congelati e dove non si dedicava tempo alla cucina; proprio per questo, con lo studio presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e con la pratica, ha sviluppato un’attenzione maniacale per la provenienza della materia prima e per la ricerca del prodotto perfetto. Insieme studiamo nuove ricette, cerchiamo e incontriamo nuovi produttori e discutiamo (anche animatamente) su ogni sfumatura da dare ai piatti serviti su Brambù.

Siamo una coppia, nella vita e nel lavoro, che ha deciso di crescere insieme e di affrontare assieme nuove sfide. Per questo Brambù non sarà più soltanto identificato con la Salsiccia di Bra, suo prodotto di punta, ma verrà affiancato dal Pastin Bellunese, per unire le provenienze regionali di entrambi. Ci divertiremo quindi a stupirvi con panini creati grazie all’unione di ingredienti piemontesi e ingredienti veneti, per far sposare due culture gastronomiche differenti, che hanno tanto da dire.

Massimo e Irene